Sguardi amici

lunedì 3 settembre 2018

La cavalletta e il cactus


2008 - Relazioni pericolose - Foto by L.Spagnolo

Più volte, lungo questa estate, abbiamo incontrato,
dentro la nostra casa, delle cavallette giganti
che ho quindi avuto la possibilità di fotografare.
Ne vedevo spesso, quando fanciullo giravo per i prati
del nonno materno, ma erano di misura normale,
alcune molto piccole, credo perchè ancora giovinette.
Mi sono imbattuto, nella mia ricerca, in questa foto
scattata nel 2008. Mi piace, perchè mette in luce
come un animaletto strano, simpatico e leggero
che svolazza qua e là senza particolari intenzioni,
possa sfidare addirittura le lunghe spine del cactus
che nostro figlio Paolo ci ha regalato molti anni fa
e che ancora continua a crescere vicino alla postazione
che, in cucina, mi vede a volte assorto nei colori.

sabato 18 agosto 2018

Saluzzo, città nel sole


A volte non c'è bisogno di chiedere per ricevere un dono.
Qualcuno che ti conosce appena ma che sa ascoltarti
riesce a raccogliere il tuo desiderio al punto che ti propone,
con la generosità tipica di chi ama intessere relazioni belle,
di visitare una città che, in pieno sole d'agosto, si offre a te
con vie, palazzi, piazze e vita della gente che può solo stupirti.
Grazie dunque a Paola di Casa Payer che ha dedicato la sua 
mattinata a me e Cate, curiosi di poter visitare una città 
raccontata con entusiasmo da Luca e prima a noi sconosciuta.


lunedì 21 maggio 2018

Riflessioni di una sera di maggio


2018 Orta San Giulio

Sono spesso di fronte alle mie foto,
ci passo ore per trattarle bene come meritano.
Mi riportano con forza a momenti di vita
che sono stati reali e tuttavia diventano
solamente immagini in cui scavare
per ritrovare, forse, parti-colori inattesi.
Troppo spesso nel considerare l'insieme complesso
dei nostri giorni, ci lasciamo sfuggire aspetti
di cui sentiremo più avanti la mancanza.
Può, una foto, riacciuffare un pizzico di verità?

domenica 26 novembre 2017

BÄRBRUNNEN-Perpruneri (TN)

2016 Perpruneri

Altre volte mi sono chiesto
se quanto succede sia legato al fato
o contenga un'indicazione meno eterea,
qualche messaggio che arriva dal passato
e che vuole, forse, indicare il cammino utile.
Non parlo di un'utilità del tipo economico,
mi riferisco piuttosto al percorso della Vita,
quella serie definita di tappe che sembrano
collegabili solamente se nel tempo riflettiamo
guardandoci indietro con attenzione e con il desiderio
di meglio comprendere quanto successo
e forse intuire un po' di quanto ci aspetta.
Di Perpruneri, località incantevole del Trentino,
sto conoscendo persone cui di sicuro non pensavo
quel giorno in cui ho preso in mano colori e pennelli
per rappresentare una realtà fatta di solitudine
e tuttavia amata come sa essere una terra
da cui il "destino" ha deciso che la gente si staccasse.

Ecco il link che collega all'acquerello di Mario Piana,
amico di pennello che non ha saputo resistere 
alla sfida contenuta nella mia foto.

venerdì 24 novembre 2017

Colori e atmosfere d'Oriente


2017 Kamakura

Siamo ritornati a Kamakura dopo che l'anno scorso
l'avevamo visitata per i templi e per le mille proposte
di acquisto che le piccole botteghe offrono ai turisti.
Ma per riconsiderarla come tappa da non trascurare
c'è voluta anche la presenza di Anna e il suo forte
desiderio di introdursi nell'atmosfera misteriosa
della foresta di bambù. Del resto anche per noi
è stata un'esperienza nuova, la foresta visitata a Kyoto
con entusiasmo riceveva la buona luce del giorno
e non offriva quindi i toni intensi, umidi, della pioggia.


martedì 26 settembre 2017

Principio d'Autunno sull'Altopiano


2017 Altopiano dei Sette Comuni - 24 Settembre

La luce più calda del pomeriggio si posa dolcemente
 sulle praterie silenziose, mentre le foglie cominciano a tingere 
i lati delle strade e nei viali, sospinte da folate di vento 
freddo, si stringono tra loro  fino a formare cumuli variopinti.
Mi guardo intorno per scoprire i segni inconfondibili di altri tempi, 
alcune pietre che delimitano i tratturi, il filo spinato 
che resiste all'usura degli anni, i tetti in lamiera arrugginita
 che assorbono i raggi del sole volto al tramonto.
Laggiù, all'orizzonte, le cime racchiudono spicchi di bellezza
 e ricordi di guerra. Le folte abetaie interrompono pascoli preziosi, 
tutto si prepara ad accogliere, dopo la tavolozza autunnale, 
i bianchi fiocchi di neve, signora incontrastata nel lungo inverno.



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...