Sguardi amici

martedì 15 ottobre 2013

Il gusto delle cose

Pensiero del giorno martedi 15 ottobre 2013

"Via via che gli anni passano, fra gli esseri umani i più perdono
il gusto delle cose: respirano, mangiano, bevono, camminano,
vedono, sentono, senza che la coscienza prenda realmente parte 
a quelle attività; si direbbe che i loro sensi si siano attenuati.
Ma ecco che a qualcuno capita di ammalarsi gravemente; 
cosa succede allora? Per mesi è obbligato a vivere nell'immobilità 
e nell'isolamento di una camera dove conduce un'esistenza
vegetativa. Poi, un giorno inizia finalmente la convalescenza, 
 ed ecco che all'improvviso il cibo e l'aria gli sembrano deliziosi;
e che gioia poter di nuovo camminare liberamente, uscire 
a contemplare il cielo, il sole e tutta la natura in primavera,
ascoltare il vento e il canto degli uccelli!
Ecco il lato buono di certe malattie. Ma è ragionevole aspettare
di avere un incidente o di ammalarsi gravemente per ritrovare 
il gusto delle cose? "

Omraam Mikhaël Aïvanhov

3 commenti:

l'alternativa ha detto...

Purtroppo è così, diamo tutto per scontato, il valore alle cose si da quando ci sfuggono, solo allora capiamo quanto fossero preziose anche le cose più banali
Emi

MARTY ha detto...

luigi, comme tu as raison ! souvent je photographie des toutes petites choses, des herbes que personne ne voit et piétine ! c'est tellement dommage ! pourquoi faut-il
attendre une convalescence pour VOIR?
regarde comme ton image est belle, il suffit de couper le fil barbelé !
mais toi tu es peintre et un peintre sait regarder !
je te souhaite une belle journée

@enio ha detto...

capita spesso così. A me è capitato 12 anni fa quando mi hanno praticato 2 BayPass e sostituita la valvola aortica, mi ricordo che quando l'anestesista mi addormentava chiedendomi di contare a ritroso io recitai l'Ave Maria.... se sono cambiate la visione delle cose dopo !

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...